Situazione patrimoniale-finanziaria riclassificata

La situazione patrimoniale-finanziaria gestionale del Gruppo Terna per gli anni 2009 e 2008 è sintetizzata nel seguente prospetto, ottenuto riclassificando i dati esposti nella Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata. Con riferimento al comparativo 31 dicembre 2008, le voci patrimoniali relative alle società brasiliane, cessate nel corso dell’esercizio, restano rappresentate nelle varie voci di Bilancio interessate; tuttavia allo scopo di fornire una più chiara esposizione delle effettive movimentazioni dell’esercizio delle attività continuative, è stata aggiunta la colonna “31.12.2008 Italia”, che non include le voci relative alle società brasiliane per il 2008.

Valori in Mln/euro al 31.12.2009 al 31.12.2008 Variazione al 31.12.2008 Italia Variazione
Immobilizzazioni nette     
Attività immateriali e avviamento 372,2 483,2 -111 255,8 116,4
Immobili, impianti e macchinari 7.075,30 6.035,80 1.039,50 5.415,60 1.659,70
Attività finanziarie (1) 21 43,7 -22,7 14,4 6,6
Totale 7.468,50 6.562,70 905,8 5.685,80 1.782,70
Capitale circolante netto          
Crediti commerciali (2) 371,8 264,2 107,6 239,8 132
Rimanenze 11,7 17,7 -6 16,6 -4,9
Altre attività (3) 10,7 17,5 -6,8 13,7 -3
Debiti commerciali (4) 381,3 326,3 55 320,1 61,2
Debiti netti partite energia passanti (5) 303,4 88,1 215,3 88,1 215,3
Debiti tributari netti (6) 14,8 -21 35,8 -24,7 39,5
Altre passività (7) 265,3 514,2 -248,9 250,3 15
Totale -570,6 -608,2 37,6 -363,7 -206,9
Capitale investito lordo 6.897,90 5.954,50 943,4 5.322,10 1.575,80
Fondi diversi (8) 638,3 425 213,3 546,3 92
Capitale investito netto 
delle attività continuative
6.259,60 5.529,50 730,1 4.775,80 1.483,80
Capitale investito netto delle attività
operative cessate e destinate alla vendita
0,1 0 0,1 0 0,1
Capitale investito netto totale 6.259,70 5.529,50 730,2 4.775,80 1.483,90
Patrimonio netto di Gruppo 2.501,50 2.076,80 424,7    
Patrimonio netto di pertinenza di Terzi 0 86,9 -86,9    
Indebitamento finanziario netto totale (9) 3.758,20 3.365,80 392,4    
Indebitamento finanziario netto Italia 3.758,20 2.953,60 804,6    
Totale 6.259,70 5.529,50 730,2    

Nel prospetto contabile della Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata corrispondono:
(1) alle voci “Partecipazioni valutate con il metodo del patrimonio netto” e “Altre attività non correnti”;
(2) alla voce “Crediti commerciali” al netto del valore dei crediti per ricavi energia di natura passante (euro 797,3 milioni);
(3) alla voce “Altre attività correnti” al netto degli altri crediti tributari (euro 17,9 milioni) e alla voce “Attività finanziarie correnti” per il valore delle attività differite (euro 1,0 milioni);
(4) alla voce “Debiti commerciali” al netto del valore dei debiti per costi energia di natura passante (euro 1.100,7 milioni);
(5) alle voci “Crediti commerciali” per il valore dei crediti per ricavi energia di natura passante (euro 797,3 milioni) e “Debiti commerciali” per il valore dei debiti per costi energia di natura passante (euro 1.100,7 milioni);
(6) alle voci “Altre attività correnti” per il valore degli altri crediti tributari (euro 17,9 milioni), “Altre passività correnti” per l’importo degli altri debiti tributari (euro 7,1 milioni), “Crediti per imposte sul reddito” e “Debiti per imposte sul reddito”;
(7) alle voci “Altre passività non correnti”, “Passività finanziarie correnti” e “Altre passività correnti” al netto degli altri debiti tributari (euro 88,2 milioni);
(8) alle voci “Benefíci per i dipendenti”, “Fondi rischi e oneri futuri” e “Passività per imposte differite”;
(9) alle voci “Finanziamenti a lungo termine”, “Quote correnti dei finanziamenti a lungo termine”, “Finanziamenti a breve termine”, “Passività finanziarie non correnti”, “Disponibilità liquide e mezzi equivalenti”, “Attività finanziarie non correnti” e “Attività finanziarie correnti” per il valore dei titoli a breve termine (euro 500,0 milioni).

L’incremento delle immobilizzazioni nette, pari a 905,8 milioni di euro, rispetto ai valori al 31 dicembre 2008, è attribuibile a:
  • Attività immateriali e avviamento: rilevano un decremento di euro 111,0 milioni, derivante dall’effetto combinato dei seguenti eventi:
    • riclassifica del valore al 31 dicembre 2008 delle attività cedute per 227,4 milioni di euro, riferito all’avviamento (115,3 milioni di euro) e alle concessioni (112,1 milioni di euro) delle controllate brasiliane;
    • movimentazioni nette delle attività immateriali della Capogruppo per euro 9 milioni, per il cui dettaglio si rinvia al paragrafo “Gestione economico-finanziaria di Terna S.p.A.”;
    • rilevazione dell’avviamento (euro 101,6 milioni) e attività immateriali (euro 5,8 milioni, al netto della quota di ammortamento degli ultimi nove mesi del 2009) in conseguenza del processo di allocazione definitivo del maggior valore pagato per l’acquisizione di TELAT rispetto al fair value delle attività e passività alla data di acquisizione;
  • Immobili, impianti e macchinari: l’incremento dell’esercizio, pari a euro 1.659,7 milioni (al netto della riclassifica del saldo 2008 riferito alle attività operative cessate), è principalmente attribuibile all’effetto congiunto di:
    • movimentazioni nette degli immobili impianti e macchinari della Capogruppo per euro 560,7 milioni così come descritto nel commento dei dati patrimoniali del paragrafo “Gestione economica finanziaria di Terna S.p.A.”, cui si rinvia;
    • acquisizione delle linee TELAT per un valore pari a euro 1.101,4 milioni comprensivo dell’allocazione definitiva dell’excess cost (per euro 224,2 milioni) pagato per l’acquisto della società a seguito del processo di allocazione dello stesso;
    • investimenti (euro 22,6 milioni) e ammortamenti (euro 28,9 milioni) della controllata TELAT riferiti agli ultimi nove mesi dell’esercizio;
    • investimenti effettuati nel 2009 da SunTergrid (euro 5,7 milioni) relativi all’attività di realizzazione di impianti fotovoltaici su terreni di proprietà della Capogruppo, localizzati in prossimità delle stazioni di trasformazione elettrica; si precisa che il primo impianto fotovoltaico residente nell’area di Ragusa è entrato in esercizio alla fine del mese di dicembre 2009.

Una sintesi della movimentazione della voce “Immobili, impianti e macchinari” intervenuta nel corso dell’esercizio è riportata di seguito:

Valori in Mln/euro 2009
Investimenti  
Linee di trasporto 339,5
Stazioni di trasformazione 377,9
Altro 142,4
Totale investimenti 859,8
Variazione area di consolidamento 1.101,4
Ammortamenti (277,3)
Dismissioni, svalutazioni e altri movimenti (24,2)
Totale 1.659,7

Gli investimenti complessivi effettuati dal Gruppo con riferimento alle attività continuative nell’esercizio 2009 sono pari a 900,4 milioni di euro (di cui 859,8 milioni riferiti a immobili, impianti e macchinari), in crescita del 17,7% rispetto all’esercizio 2008.

  • Attività finanziarie: l’incremento pari 6,6 milioni di euro, al netto della riclassifica del valore del 2008 della voce riferita alle attività brasiliane cedute (euro 29,3 milioni), deriva essenzialmente dall’effetto dei seguenti eventi:
    • rilevazione del costo sostenuto per le ulteriori quote partecipative nella collegata CESI (euro 2 milioni) acquisite da A2A S.p.A. e da Siemens S.p.A. per l’1,871% e per il 4,68% rispettivamente del capitale sociale e adeguamento della partecipazione al patrimonio netto di fine periodo riferibile alla quota di possesso del Gruppo nella stessa società (euro 3,0 milioni);
    • rilevazione della partecipazione a controllo congiunto nella società tunisina ELMED ÉTUDES (pari a 0,7 milioni di euro).
Il capitale circolante netto si attesta a -570,6 milioni di euro e, nell’esercizio 2009, ha generato liquidità per 206,9 milioni di euro, al netto della riclassifica delle attività cedute, essenzialmente riconducibile a:
  • crediti commerciali: l’incremento pari a 132,0 milioni di euro, è sostanzialmente imputabile alla Capogruppo (per euro 129,9 milioni); rilevano altresì i crediti commerciali della controllata TELAT (euro 2,1 milioni) principalmente verso le società Enel.Net ed Enel Distribuzione per l’housing della fibra ottica sulle reti di proprietà (euro 1,0 milioni);
  • debiti commerciali: l’incremento per euro 61,2 milioni è riconducibile essenzialmente alla Capogruppo per euro 51,8 milioni, nonché ai debiti apportati dalla società TELAT per euro 8,6 milioni principalmente verso Enel Distribuzione per forniture di materiali e servizi vari ricevute nell’ultimo periodo dell’esercizio;
  • debiti netti partite energia passanti: l’incremento, pari a 215,3, è totalmente attribuibile alla Capogruppo;
  • debiti tributari netti: la variazione incrementativa dei debiti tributari netti (euro 39,5 milioni) è riconducibile per la quasi totalità ai maggiori debiti tributari netti riferiti alla Capogruppo (euro 16,5 milioni) e alla rilevazione delle imposte dell’esercizio (euro 23,2 milioni) da parte della controllata TELAT;
  • altre passività: l’incremento pari a euro 15,0 milioni attribuibile essenzialmente alla Capogruppo.

Il capitale investito lordo, pertanto, evidenzia un saldo pari 6.897,9 milioni di euro e registra un incremento di euro 1.575,8 milioni rispetto al valore (al netto delle attività brasiliane) al 31 dicembre 2008.

I fondi diversi delle attività continuative rilevano un incremento pari a 92,0 milioni di euro; oltre alle movimentazioni dei fondi riferite alla Capogruppo, che concorrono all’incremento per un valore pari a 3,0 milioni di euro (per il cui commento si rinvia alla “Gestione economico finanziaria di Terna”), la variazione è altresì attribuibile all’effetto di:

  • rilevazione del fondo imposte differite nette sul maggior valore allocato alla RTN e alle attività immateriali acquisite con TELAT, per euro 70,3 milioni al netto del rilascio sui relativi ammortamenti degli ultimi nove mesi dell’esercizio;
  • valore di apporto del fondo imposte differite nette della società acquisita TELAT (euro 17,6 milioni al 31 dicembre 2009) relativo agli accantonamenti pregressi calcolati sugli ammortamenti eccedenti la quota economica tecnica.

Il capitale investito netto delle attività continuative si attesta a 6.259,6 milioni di euro con incremento di 1.483,8 milioni di euro rispetto ai 4.775,8 del 31 dicembre 2008.

Il capitale investito netto delle attività operative cessate e destinate alla vendita, pari a euro 0,1 milioni, si riferisce al valore residuo della partecipazione in Terna Participações (pari a 10.000 Unit) che sarà venduta da Terna nell’ambito dell’Offerta Pubblica d’Acquisto (“OPA”) che la società TAESA S.A., che ha acquisito il controllo della stessa Terna Participações S.A., dovrà effettuare.

Il capitale investito netto complessivo, al 31 dicembre 2009, è pari a 6.259,7 milioni di euro ed è coperto dal patrimonio netto, attribuibile completamente al Gruppo, per euro 2.501,5 milioni (a fronte dei 2.163,7 milioni di euro al 31 dicembre 2008, dei quali 2.076,8 milioni di euro di Gruppo) e dall’indebitamento finanziario netto, riferito totalmente alle attività continuative, per euro 3.758,2 milioni (+392,4 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2008, pari a +804,6 milioni di euro al netto dell’indebitamento delle controllate brasiliane).

Si riporta nel seguito il dettaglio dell’indebitamento finanziario netto:

Valori in Mln/euro 31.12.2009 31.12.2008 Variazione
Attività operative continuative      
Indebitamento a lungo termine e relative coperture 4.218,3
3.642,8
575,5
Finanziamenti e impieghi a breve termine -460,0 - -460,0
Disponibilità liquide e mezzi equivalenti -0,1 -689,2689,1
Totale indebitamento finanziario attività continuative3.758,22.953,6 804,6
Totale indebitamento finanziario attività operative cessate - 412,2 -412,2
Indebitamento finanziario complessivo 3.758,2 3.365,8 392,4

Per il dettaglio delle singole voci dell’indebitamento finanziario netto al 31 dicembre 2009 si rimanda al paragrafo successivo “Flussi finanziari”.

Il rapporto debt/equity, alla fine dell’esercizio 2009, si attesta pertanto a 1,50 rispetto all’1,42 del 31 dicembre 2008, che, coerentemente, non considerano la posizione finanziaria (debito) del Brasile.